Addio a Fabrizio Frizzi, il volto garbato della tv

Addio a Fabrizio Frizzi, il volto garbato della tv

Si è spento un protagonista della televisione italiana. Fabrizio Frizzi se ne è andato all'improvviso a Roma, in seguito a una emorragia cerebrale.
Sessant'anni compiuti lo scorso 5 febbraio, Frizzi nella sua lunga carriera ha condotto ben 73 programmi. La sua “casa” televisiva, però, è stata senza dubbio Miss Italia, di cui è stato conduttore per ben sedici edizioni.
Una vita passata in Rai, dagli esordi nel 1980 fino al suo ultimo giorno alla guida de “L'Eredità”. Ed è proprio durante la registrazione del programma che, lo scorso 23 ottobre, Frizzi fu colto da un malore, una ischemia, che lo portò lontano dal piccolo schermo per oltre un mese. Poi il grande ritorno a dicembre, nonostante stesse già combattendo contro un male di cui non ha mai voluto parlare molto. Solo recentemente ha commentato la sua sfida: "Non è ancora finita". "Se guarirò - sottolineò - racconterò tutto nei dettagli, perché diventerò testimone della ricerca. Ora è la ricerca che mi sta aiutando".
Con Frizzi se ne va un uomo garbato e discreto, un esemplare professionista. Ma anche un volto caro a e familiare per tutti gli italiani.


Ricordando Fabrizio Frizzi

Quel malore che lo aveva improvvisamente colpito ad ottobre negli studi del quiz "L'eredità" era suonato per tutti come un campanello d’allarme: il ricovero, una serie di esami, le terapie, poi il ritorno su Rai1. "Sto combattendo, non è ancora finita. Ogni tanto, com'è normale, qualche momento di sconforto può esserci”, spiegava “ma l'affetto della famiglia, degli amici e del pubblico è una luce che illumina tutto. La vita è meravigliosa".

Condividi su: / /

Lascia il tuo commento

Saluti Recenti
Barbara Piernera - Voghera
R.i p barbara❤......
Barbara Piernera - Voghera
Dispiacere......
Barbara Piernera - Voghera
❤️......
Barbara Piernera - Voghera
Condoglianze r.i.p.......
Iuri Berton - San Donà
❤️......
Santo del giorno

Il Santo di oggi è Sant' Anselmo d'Aosta. Fai gli auguri a tutti gli "Silvio" e "Anselmo" che conosci.