Addio Umberto Veronesi, simbolo della lotta contro il cancro

Addio Umberto Veronesi, simbolo della lotta contro il cancro

Si è spento ad un passo dai 91 anni Umberto Veronesi, medico milanese, ex senatore, fondatore dello Ieo e luminare della lotta contro il cancro.
Classe 1925, si laureò in medicina e chirurgia nel 1950. Lavorò presso l'Istituto dei Tumori di Milano diventandone il Direttore Generale. In seguito realizzò il suo percorso europeista, prima con la Scuola Europea di Oncologia nel 1982, poi, nel 1991, con la fondazione dello Ieo, l'istituto Oncologico Italiano, un punto di riferimento internazionale nella prevenzione del cancro. Teorizzò l'utilizzo della rivoluzionaria tecnica della quadrantectomia per sconfiggere il tumore alla mammella, un intervento meno invasivo in grado di preservare l'aspetto estetico e quindi quello psicologico. Introdusse la intraoperatoria per migliorare i risultati della radioterapia, consentendo di esaurire l'operazione in una sola seduta. Fu ministro della Sanità dal 2000 al 2001 e Senatore dal 2008 al 2011. Ha ricevuto ben tredici lauree honoris causa, nazionali ed internazionali. Convinto difensore dei diritti degli animali, sostenitore del testamento biologico e dell'eutanasia, ha dato vita nel 2003 alla fondazione Veronesi, una realtà divenuta un pilastro della ricerca e della divulgazione scientifica.
Personalità di spessore, nonché profondo anticonformista, ha rappresentato nel corso della sua lunga vita l'esempio di un attivismo che è andato oltre i confini della scienza, mettendosi in gioco sia in campo politico che sociale.
Ha sempre dichiarato di non temere la morte, mostrando una sicurezza ed un coraggio che hanno donato speranza a migliaia di persone in difficoltà. Ed oggi che è lui ad essersi dovuto arrendere, vogliamo ricordarlo con alcune sue parole che meglio spiegano la complessità di un'esistenza, spesso discussa, ma che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del nostro Paese e non solo.
“Vivo da sempre una situazione di schizofrenia. Sono l’uomo della speranza, però immerso ogni giorno nel dolore. Devo trasmettere fiducia e ottimismo, ma nel profondo sono angosciato, tormentato, sento un nichilismo alla Nietzsche, porto dentro di me la fossa comune di tutti i pazienti che ho perso”.


Condividi su: / /

2 commenti

  1. Giuseppe Vassena

    Arrivederci professore grazie per la sua umanità

  2. Marisa Casati

    grande grande

Lascia il tuo commento

* Dichiaro di aver preso visione dell'informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR).
Autorizzo altresì Pagine Sì! e ed i suoi partner al trattamento dei miei dati personali per attività promozionali, pubblicitarie e di marketing dei propri prodotti e servizi

Saluti Recenti
Francesco Pomiato - Zero Branco
Che tu riposa in pace caro francesco, sono felice di aver avuto la possibilità di averti......
Padre DionisioEra...
Padre dionisio era mio zio. l'ho incontrato solo quando i miei genitori mi hanno portato in italia......
Giuliano Marra
Ciao giuly, abbiamo fatto un tratto di strada insieme. un giorno ci rincontreremo. ......
Giuliano Marra
Unendomi al dolore di tutti quelli che lo conoscevano, porgo le mie più sentite......
Daniela Bernabini
I condomini del residence il "roccolino" di bianzano, sono vicini ai figli e ai nipoti per la......
Santo del giorno

Il Santo di oggi è Sant' Emerenziana. Fai gli auguri a tutte le"Emerenziana", "Messalina" e i "Agatangelo" che conosci.