Era la fine del lugl...

Era la fine del lugl...
- Ascoli Piceno -

Era la fine del luglio 1571quando Papa Pio V emanò la bolla "Illius fulciti presidio" con la quale elevò Ripatransone al grado di città e di sede vescovile con giurisdizione su: Quinzano, Monteprandone, Force, Montalto, Montedinove, Rotella, Porchia, Cossignano (località dismembrate dal Presidato Farfense); Acquaviva, San Benedetto, Gissi, Grottammare, Marano, Sant’Andrea (località dismembrate dalla diocesi di Fermo); Colonnella e Patrignone (località dismembrate dalla diocesi di Ascoli).

Il risultato fu conseguito dopo diversi processi e per l’importanza raggiunta della zona in quasi tutti i settori della vita cittadina, per il 1300 abitanti, con l’appoggio di Ascanio Condivi, Annibal Caro, Michelangelo Buonarroti, San Filippo Neri, per determinazione del papa Pio V, e superate le ultime opposizioni di Farfa, del Vescovo di Fermo, del Cardinal Montalto e di Offida.

Con Ripatransone si operava nella zona un’autentica rivoluzione, veniva istituita una diocesi cuscinetto tra le nemiche Ascoli e Fermo, spezzando la secolare e anacronistica giurisdizione farfense.

Il primo Vescovo della diocesi, Mons. Lucio Sassi di Nola, fece il solenne ingresso a Ripatransone dopo diversi mesi nel marzo 1572.


Condividi su: / /

1 commento

  1. Giuseppe Ricci

    E Monterubbiano ???

Lascia il tuo commento

Saluti Recenti
Liliana Margoni
Un abbraccio laura,i nonni sono un nostro patrimonio ineguagliabile!!!......
Liliana Margoni
Chi ama la vita ama ogni cosa...con affetto e una mia semplice preghiera per la vostra mamma nonna......
Liliana Margoni
Cara laura, condoglianze di cuore per la tua meravigliosa nonna.... un abbraccio......
Ezio Feliziani
Ora è insieme ai suoi cari......
Ezio Feliziani
R.i.p......
Santo del giorno

Il Santo di oggi è Dedicazione delle basiliche dei Santi Pietro e Paolo. Fai gli auguri a tutte le"Alda" e gli "Oddone" che conosci.