Era la fine del lugl...

Era la fine del lugl...
- Ascoli Piceno -

Era la fine del luglio 1571quando Papa Pio V emanò la bolla "Illius fulciti presidio" con la quale elevò Ripatransone al grado di città e di sede vescovile con giurisdizione su: Quinzano, Monteprandone, Force, Montalto, Montedinove, Rotella, Porchia, Cossignano (località dismembrate dal Presidato Farfense); Acquaviva, San Benedetto, Gissi, Grottammare, Marano, Sant’Andrea (località dismembrate dalla diocesi di Fermo); Colonnella e Patrignone (località dismembrate dalla diocesi di Ascoli).

Il risultato fu conseguito dopo diversi processi e per l’importanza raggiunta della zona in quasi tutti i settori della vita cittadina, per il 1300 abitanti, con l’appoggio di Ascanio Condivi, Annibal Caro, Michelangelo Buonarroti, San Filippo Neri, per determinazione del papa Pio V, e superate le ultime opposizioni di Farfa, del Vescovo di Fermo, del Cardinal Montalto e di Offida.

Con Ripatransone si operava nella zona un’autentica rivoluzione, veniva istituita una diocesi cuscinetto tra le nemiche Ascoli e Fermo, spezzando la secolare e anacronistica giurisdizione farfense.

Il primo Vescovo della diocesi, Mons. Lucio Sassi di Nola, fece il solenne ingresso a Ripatransone dopo diversi mesi nel marzo 1572.


Condividi su: / /

1 commento

  1. Giuseppe Ricci

    E Monterubbiano ???

Lascia il tuo commento


Saluti Recenti
Giulia Buttazzoni
R.i.p piccola giulia, condoglianze alla famiglia, coraggio. ......
Jennifer Sterlecchini
R.i.p.......
Giulia Buttazzoni
R.i.p. ......
Giulia Buttazzoni
......
Giulia Buttazzoni
Fa troppo male...troppo dolore..........
Santo del giorno

Il Santo di oggi è San Nicola di Mira (di Bari). Fai gli auguri a tutti gli "Nicola" che conosci.

Servizi

Interflora