Per scrivere in modo corretto un necrologio bisogna specificare i dati anagrafici relativi al defunto scrivere: Il  nome e cognome del persona cara, la dicitura  vedova o il cognome del marito se si tratta di una donna. Vanno anche indicati a seguire i nominativi di chi comunica la terribile notizia; Solitamente sono i parenti più prossimi al defunto quali padre/madre, marito, moglie, fratelli e figli. Per fornire informazioni precise, sul luogo in cui si effettuerà un’eventuale cerimonia religiosa, va specificato anche l’ora e il luogo in cui ciò avverrà. E’ indicare chi effettuerà la comunicazione, detto “triste annuncio”.


Nel caso in cui la salma si trovasse ancora in ospedale e venisse condotta in chiesa prima della tumulazione sarebbe indicato anche comunicare e scrivere l’orario in cui la salma sarà trasferita in chiesa. Nei piccoli centri cittadini, è sufficiente affliggere i manifesti funebri, mentre nelle città più grandi è frequente il ricorso alla divulgazione della comunicazione anche sui quotidiani e riviste locali.


La decorazione dovrà essere semplice e sobria con elementi decorativi religiosi o floreali.

La scelta del tono e delle parole sono fondamentali: L’annuncio infatti dovrebbe tenere conto del credo religioso e della personalità del defunto, utilizzando un tono diverso a seconda che l’estinto fosse: Ateo, praticante, credente oppure di altro credo religioso.