È morto il capitano della Fiorentina Davide Astori

È morto il capitano della Fiorentina Davide Astori

Un dramma terribile si è abbattuto sul mondo del calcio. Davide Astori, trentunenne capitano della Fiorentina, è stato trovato senza vita in una camera d'albergo di Udine dove si trovava con la squadra viola in attesa della sfida contro i friulani. Il calciatore è spirato nel sonno, con ogni probabilità per un arresto cardiocircolatorio.
Nato a San Giovanni Bianco il 7 gennaio 1987, mosse i primi passi calcistici con la maglia del Ponte San Pietro, squadra satellite del Milan. Poi la Serie C1 nel Pizzighettone, ancora nella Primavera del Milan ed infine nella Cremonese, sempre in Serie C1. Tanta la gavetta per Davide, fino alla svolta nel 2008 quando viene acquistato dal Cagliari. Per il giovane Astori, allora 21enne, si realizza un sogno chiamato Serie A. Un sogno che in poco tempo, a suon di presenze e ottime prestazioni, diventa realtà per sei lunghi anni. Poi la Roma, per Davide un banco di prova importante. Complice anche un'annata complicata per i giallorossi, non è la sua migliore stagione, totalizzando comunque 29 presenze e un gol. Nel 2015 viene acquistato dalla Fiorentina, è con la maglia viola che trova la sua dimensione, culminata con la fascia da capitano ottenuta nella 2017.
Diverse le sue apparizioni anche in maglia Azzurra. Prima nell'Under 18, poi nel 2010 per la prima volta nella nazionale maggiore per l'amichevole contro la Costa d'Avorio. Il suo esordio ufficiale in Nazionale avviene il 29 marzo 2011, a 24 anni, nell'amichevole Ucraina-Italia (0-2). Il blocco Juventus nella difesa azzurra resta inscalfibile per anni, così Davide fatica a trovare spazio e deve attendere il 3 giugno 2013 quando Prandelli lo include nella lista dei 23 giocatori in partenza per Confederations Cup 2013 in Brasile, manifestazione in cui segna il suo primo gol in nazionale nella finale per il terso posto contro l'Uruguay.
Davide, oltre ad essere un giocatore di livello, viene descritto da tutti come un ragazzo serio, pulito ed estremamente educato. Uno di quelli a cui è impossibile non volere bene. Lascia la compagna Francesca, una figlia di appena due anni, e una famiglia devastata dal dolore.
Non esistono parole per una tale perdita, ma il commosso abbraccio dell'intero Paese al momento della notizia vale più di ogni commento.


Condividi su: / /

Lascia il tuo commento

* Dichiaro di aver preso visione dell'informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR).
Autorizzo altresì Pagine Sì! e ed i suoi partner al trattamento dei miei dati personali per attività promozionali, pubblicitarie e di marketing dei propri prodotti e servizi

Saluti Recenti
Alberto Ciardi
Condoglianze......
Alberto Ciardi
Sentite condoglianze.......
Alberto Ciardi
Condoglianze......
Alberto Ciardi
Condoglianze......
Alberto Ciardi
Condoglianze......
Santo del giorno

Il Santo di oggi è San Fausto di Alessandria. Fai gli auguri a tutti gli "Fausto" e le "Matilde" che conosci.