Risultati: 1.000
  • cimitero di svito al tagliamento

    Cimitero San Vito Al Tagliamento situato in Via dei Cipressi, 33078, San Vito al Tagliamento, Pordenone, Italia.

  • Cimitero comunale di Sassari

    Cimitero comunale di SassariIl leggendario cimitero comunale di Sassari si trova situato al centro della città.Il cimitero comunale di Sassari venne realizzato il dodici Luglio dell'anno 1837.  Il cimitero di Sassari venne progettato dell'architetto  Piretto Angelo Maria.

  • Cimitero di guerra di Cesena

    Cimitero di guerra di CesenaL'architetto che ha fondato il cimitero di guerra di Cesena è Louis de Soissons.Il famoso cimitero di guerra di Cesena è un cimitero militare della città di Cesena, dove riposano in pace soldati dei paesi Commonwealth durante la 2 guerra mondiale.Vi sono settecentosettantacinque tombe di militari provenienti dagli attuali paesi Canada, Regno Unito, Sudafrica, India e Nuova Zelanda, le 3 tombe appartengono a persone sconosciute.

  • Cimitero acattolico di Siracusa

    Cimitero acattolico di SiracusaIl piccolo cimitero acattolico di Siracusa, si trova situato nel parco di Villa Landolina a Siracusa. I monumenti del cimitero sono stati restaurati tra l'anno 2012 e il 2015. Il chiesta cristiana vieta di seppellire in terra i non cattolici, tali defunti venivano espulsi dalla comunità cristiana e seppelliti fuori dalle mura cittadine.La prestigiosa famiglia Landolina diede la disponibilità per la costruzione del "cimitero degli acattolici" nel proprio parco. Il cimitero è di piccolissime dimensioni e comprende 12 sepolture nel periodo dell'800 per alcuni di fede non cattolica morti a Siracusa.Vi sono sepolti l'illustre poeta tedesco August von Platen ed alcuni marinai americani che parteciparono alla prima guerra fuori del territorio americano. Essi sono Seth Cartee, Joseph Maxwell,  James Deblois, George S. Hackey e William Tyler.

  • Cimitero Monumentale di Reggio Emilia

    Cimitero Monumentale di Reggio EmiliaLa facciata del cimitero monumentale di Reggio Emilia è stata rivolta verso il torrente Crostolo.Il grandioso cimitero monumentale di Reggio nell'Emilia, si trova  nelle prossimità del centro urbanistico e lungo torrente. Il cimitero Monumentale di Reggio Emilia era già presente nel XVII secolo ma venne di nuovo ingrandito nel XIX secolo con uno stile neoclassico. Nel territorio comunale di Reggio sono presenti altri ventisette piccoli cimiteri.

  • Cimitero Misericordia di prato

    L'immenso cimitero della Misericordia di Prato è suddiviso di 5 recinti di sepoltura, dal più remoto costituito da patrizie cappelle ricchissime di prestigiose sculture e affreschi e anche alle più impersonali lapidi di nuovissima idea stilistica. Moltissime sono le opere all'interno delle cappelle private, soffermandosi davanti alle vetrate che nascondono questi stupendi capolavori, da vecchie crepe e fessure murarie si possono ammirare opere di grandissimo pregio e notorietà.Da gennaio a Marzo: Dalle ore otto alle dodici e trenta.Pomeriggio dalle ore quattordici alle ore diciassette;Da Aprile a Settembre: Dalle ore otto alle ore dodici e trenta;Pomeriggio dalle ore quindici alle ore sette;Da ottobre a Dicembre: Dalle ore otto alle ore dodici e trenta e pomeriggio dalle ore due alle ore diciassette;Dal 1 ottobre al 31 Ottobre chiusura ore diciotto.

  • Cimitero monumentale di Trieste

    Il Cimitero di Sant'Anna è il cimitero monumentale di Trieste, un luogo molto interessante sia per gli aspetti architettonici e sia urbanistici.Il cimitero è stato Inaugurato il 1 agosto dell'anno 1825, il Cimitero di Sant'Anna sorge su un’area che apparteneva alla prestigiosa famiglia Patrizia dei Burlo. Il maestoso cimitero è frutto del lavoro dell’architetto neoclassico Persch Matteo.Il cimitero monumentale di Sant'Anna, per il fatto dell’incremento demografico, la sua superficie venne raddoppiata. Lungo il muro fu realizzato un nuovo tratto di porticato colonnato e si posero norme per il decoro dei monumenti funerari e l’uniformità stilistica. Oggi l’ingresso è ornato da 3 sculture di Marcello Mascherini raffiguranti la Resurrezione di Lazzaro e due splenditi Angeli.Le tombe assegnate sotto il porticato sono di famosissimi scultori: , Giovanni Meyer, Giuseppe Capolino, Pietro Magni,  Pietro Canonica, più un vasta campionario di artisti locali del IXI e del XX secolo.L'entrata principale a valle è in Via dell’Istria, vi si può arrivare con l'autobus, a piedi, o in autovettura.Mentre l'entrata secondaria si trova l'info-point, è servito da una linea d’autobus con fermata a pochi metri dall'entrata del cimitero.

  • Cimitero monumentale di Caltagirone

    Cimitero monumentale di CaltagironeIl maestoso cimitero monumentale di Caltagirone è uno dei più famosi cimiteri del territorio Siculo. L'architetto Giovan Battista Nicastro per la realizzazione del cimitero di Caltagirone, l'architetto impiegò materiali in pietra bianca di Ragusa facilmente reperibili in Sicilia. L'area del cimitero monumentale, all'inizio della realizzazione era all'incirca di 20 mila metri quadrati, è negli anni a seguire è stata nuovamente ampliato.Il cimitero è ricchissimo di sculture, pitture, capitelli e fregi , che lo rendono per questo il monumento nazionale di tantissimi visitatori stranieri e Italiani. Lungo il lato nord e sud vi sono gli elementi più importanti del cimitero: Il Famedio, il portico d'ingresso, l'Ossario che in seguito è stato posizionato al centro della croce Greca nella famosa piazza ottagonale. Vi sono tante cappelle gentilizie liberty realizzate dall'illustre architetto Fragapane.

  • Cimitero monumentale di Messina

    Il cimitero monumentale di Messina, chiamato pure Gran camposanto, è uno dei più grandi e importanti cimiteri monumentali d'Italia, è anche uno dei cimiteri più artistico d'Italia. All'interno del cimitero è presente la gran parte dell'architettura e delle statue del neoclassicismo di Messina.  L'architettura neoclassica del cimitero è arricchita dalla presenza di curatissimi giardini che inframezzano gli spazi sepolcrali e anche la presenza di una lussureggiante vegetazione. Il cimitero fu realizzato sin dalle origini come un parco urbano e può essere definito come la galleria d'arte moderna all'aperto della città di Messina. Sono tante, le presenze di artisti locali e non, sia dell'800 che dell'900,  ma anche di flussi artistici  provenienti dal continente, in particolare dalla Francia (verismo, purismo,  neo-barocchismo, razionalismo e liberty).Nella parte alta del cimitero di Messina è presente la grandiosa chiesa di stile gotico chiamata "Cenobio", inizialmente residenza del cappellano del cimitero che rivestiva anche il titolo di direttore.L'ampio  cimitero di sorge nei pressi della zona centrale della città di Messina, di fronte la villa Dante, sulla via Catania ma si estende per ben 22 ettari.

  • Cimitero monumentale Isola di San Michele di Venezia

    Il cimitero monumentale Isola di San Michele di Venezia, che si affaccia a nord di Venezia, sede del cimitero della città. Il cimitero è ornato da cipressi e chiusa da alte pareti in terracotta, l'isola cimitero di San Michele è una delle tappe da ammirare. Una visita guidata al cimitero della città di Venezia, può trasformarsi in un viaggio coinvolgente e in un pellegrinaggio culturale. A poco a poco che ci si allontana dalla riva delle Fondamenta Nuove, si può adocchiare il rosso dei mattoni dei muri di cinta e il verde dei cipressi che contrasta con la bianca chiesa del Codussi che sovrasta la pavimentazione coloratissima del campo: è l'isola di San Michele, il cimitero monumentale di Venezia. L'isola è oggi gloriosa per il cimitero che ospita le tombe di veneziani illustri che hanno scelto di essere sepolti nella città adorata. Ad attendere il visitatore sul portale del chiostro, per introdurlo nell'area del cimitero, troviamo San Michele, l'arcangelo che, abbattendo il drago, si impadronisce della sua immortalità.Sono tanti personaggi celebri qui sepolti nel cimitero di Venezia. Vi riposano in pace: Stravinskij, Diaghilev e Ezra Pound, dal 21 giugno dell'anno 1997 e Josif Brodskij.

  • Cimitero monumentale ebraico di Firenze

    Cimitero monumentale ebraico di Firenze, è situato in Via di Caciolle. La struttura fu realizzata tra l'anno 1881 e il 1884, e progettata dall'architetto Marco Treves, lo stesso della Nuova Sinagoga della città di Firenze. Vi si trovano oltre 5.000 tombe, sobrie e essenziali secondo le regole della cultura ebraica.Il valore storico del cimitero si deve soprattutto alle tombe di intere famiglie, sterminate durante il massacro nazifascista e più recentemente, ad una lapide che ricorda la perdita di oltre novanta rotoli della Torà, distrutti durante l’alluvione di Firenze dell'anno 1966. Il valore artistico è rintracciabile invece nelle cappelle mortuarie, che ripropongono gli stili romanici.E’ il caso del cimitero in Viale Ariosto, il più antico dei due citati in cui sono sepolte importanti personalità della storia ebraica: Levi, Franchetti, Sanguinetti, Servadio.Dell'eroica famiglia Levi è da consigliare la tomba a forma piramidale, costruita subito dopo l’Unità d’Italia, quando anche le minoranze religiose ricominciarono a godere di un clima di tolleranza.

  • Cimitero di Belluno

    Il Comune di Belluno dispone di dodici cimiteri, dislocati nei seguenti centri urbai: Cusighe, Prada,  Antole, Bolzano, Levego, Tassei, Orzes, Salce, San Fermo, Tisoi, Castion, e Visome.La concessione di loculi-ossario, nicchie e aree individuali non può essere concessa in anticipo, ma solo al momento del decesso della persona cara; Solo per le nicchie, e in alcuni cimiteri che presentano abbondanti disponibilità. La giunta comunale può rilasciare ogni anno un determinato quantitativo di concessioni da rilasciare anche a persone viventi.La richiesta di sepoltura deve indicare il nome del cimitero ed il tipo di tomba prescelta.

Back to top