Ricordando Libero Grassi ucciso per aver sfidato la mafia

Ricordando Libero Grassi ucciso per aver sfidato la mafia

L'imprenditore Libero Grassi verrà ricordato oggi, il giorno 29 agosto dell'anno 2016. Nell'anno della sua morte, gli verrà conferita la medaglia al valore, "Splendido esempio di coraggio e integrità morale, spinte sino all'estremo del sacrificio.
In varie piazze d'Italia come Piacenza con un video del brano che Pierpaolo Palazzo e Eliana Cruz hanno scritto in onore di Libero Grasso. Questa sera il prima serata su RAI 1 alle ore 21:25 trasmetterà il film "Io sono Libero" l’imprenditore che non si piegò alla mafia. Il film si concentrerà sulla vicenda tragica dell'imprenditore Siciliano, a partire dalla sua lotta contro la mafia che l'ha condotto fino alla morte, avvenuta nell'anno 1991. Mentre nell'anno 2017 la storia di Grassi verrà raccontata in uno dei 4 episodi della fiction di Canale 5 "Liberi sognatori. Le idee non si spezzano".
Nato in una famiglia di antifascisti, cresce con il senso civico di opposizione e con una forte avversione per qualsiasi tipo di costrizione da parte del potere corrotto. Dopo una lunga vita trascorsa nell'impegno politico. Grassi assume il comando della "Sigma", che era la fabbrica di famiglia, dove ben presto venne contattato dalla mafia. Cosa Nostra pretende che Grassi paghi il pizzo, come tutti gli altri commercianti della Sicilia. Una richiesta a cui il Catanese, vissuto poi a Palermo, non intende completamente sottostare. La mafia opprime ormai da anni le famiglie della Sicilia, ma regna la paura nelle persone di denunciare l'estorsione. Per Libero Grassi non è così che decide di opporsi con forza alla mafia e di non nascondersi, preferendo fare una denuncia tramite una lettera pubblica sul Giornale di Sicilia. Con quest'azione Grassi viene brutalmente ucciso il 29 agosto dell'anno 1991. Sette anni più tardi, vennero condannati: Marco Favaloro e Salvatore Madonia come esecutori materiali, mentre Totò Riina, Bernardo Provenzano, Pietro Arglieri ed altri mafiosi vennero condannati nell'anno 2004 come mandanti.
Il 10 gennaio 1991, l'imprenditore pubblica la sua denuncia sul quotidiano Siciliano, ripresa in seguito da altri giornali e televisioni. E' l'inizio la lotta contro la mafia e che costrinse Libero Grassi a chiedere alle autorità di proteggerlo. Venuto allo scoperto, il Catanese viene lasciato solo dagli altri imprenditori, dopo un iniziale supporto ed anche in seguito al suo omicidio, è il silenzio ancora una volta a dominare in Sicilia. In occasione del decimo anniversario, la parola viene lasciata alla vedova Pina Maisano, sempre al Giornale di Sicilia. Una lunga testimonianza in cui la vedova racconta gli ultimi 8 mesi di vita del marito, attraverso la paura di quei giorni. Mettendo soprattutto il risalto il sul coraggio con cui Libero Grassi non indietreggiò di un solo passo. La moglie Pina scomparsa pochi mesi fa, diceva: "Non è stato un eroe, ma solo un imprenditore che ha fatto il suo dovere di cittadino. Oggi anche grazie a lui, siamo tutti più liberi".


Intervista a samarcanda a Libero Grassi del (11 Aprile 1991)

Libero Grassi verrà assassinato il 29 Agosto dell'anno 1991.

Condividi su: / /

Lascia il tuo commento

Saluti Recenti
Giovanni Mondo - Casandrino
Riposi in pace amen......
Mario Luccisano
Rip prof.......
Salvatore Caltagirone
Condoglianze alla famiglia.......
Mario Luccisano
Le mie più sentite condoglianze come biker e come uomo!!!......
Mario Luccisano
Rip. un abbraccio ai figli.......
Santo del giorno

Il Santo di oggi è San Giovanni da Capestrano. Fai gli auguri a tutti i "Manlio" che conosci.