•  Roberto Musu
    Notizia

    Roberto Musu

    Tempio piange l'improvvisa scomparsa di Roberto Musu. Roberto, appena 34 anni, si va ad aggiungere alla lunga lista di vittime mietute dalle strade sarde. Il ragazzo, residente a Tempio e molto conosciuto in città, stava percorrendo la provinciale 20, strada che collega Olbia e Tempio, a bordo della sua auto insieme ad un suo amico residente a Genova, quando è rimasto coinvolto in un incidente con una vettura proveniente dal senso opposto. Per Roberto non vi è stato nulla da fare e se n'è andato inaspettatamente, lasciando in un lutto improvviso la sua famiglia e tutta la comunità tempiese. Ci stringiamo forte e con affetto attorno al suo ricordo, ciao Roberto.

  • Ginetto Ambrosino
    Notizia

    Ginetto Ambrosino

    Un anno fa Olbia piangeva la scomparsa di Ginetto Ambrosino, storico edicolante della città. Ambrosino per 35 anni aveva venduto i giornali dal suo chiosco, aveva visto Olbia cambiare anno dopo anno mentre lui era sempre li, di fronte al municipio già dalle prime ore del giorno a sistemare quotidiani e riviste insieme a sua moglie. Un uomo sempre sorridente che era riuscito ad entrare nel cuore di tanti olbiesi che ogni giorno andavano da lui ad acquistare il quotidiano preferito. Ambrosino era divenuto grande amico di tanti suoi clienti, e la sua edicola era divenuta un punto di riferimento, anche quando durante i lavori al tunnel fu spostata dal molo Brin al piazzale del Comune. La sua scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile nella sua famiglia e tra le persone che gli hanno voluto bene, ma il suo sorriso così dolce e confortante rimarrà per sempre nel cuore di tutti. Ad un anno di distanza ci stringiamo forte attorno al suo ricordo.

  • Adolfo Serra
    Notizia

    Adolfo Serra

    Il cuore di Adolfo Serra ha smesso di battere per sempre. Loiri ha dovuto dire addio al 64 enne, nel dolore di amici e parenti. Tutti lo ricordano sorridente, mentre si prendeva cura dei clienti nel suo bar in via Redipuglia. Alla famiglia Serra si stringe tutta la comunità cittadina, che porge le più sentite condoglianze.

  • Un anno senza Zia Antonicca Puliga - Calangianus
    Notizia

    Un anno senza Zia Antonicca Puliga - Calangianus

    Un anno fa Calangianus piangeva la scomparsa di zia Antonicca. Zia Antonicca Puliga era la nonnina centenaria del paese, classe 1914 e prossima ai 102 anni. Antonicca era nata da una famiglia di proprietari e commercianti, aveva cinque fratelli e una sorella tra cui Viventi Battista, ex sindaco di Calangianus. Sposò giovanissima il direttore didattico Adolfo Manca dal quale ebbe tre figli, ed era una donna di fede e dedita al volontariato, nota soprattutto per aver dato grande aiuto alla Casa di riposo San Vincenzo. Antonicca ha vissuto un secolo di buona salute, fatta eccezione qualche problema di cataratta e una frattura al femore, e si è spenta serenamente nella sua casa in via Sassari, circondata dall'immenso affetto della sua famiglia. Ad un anno di distanza, ci stringiamo forte attorno al suo ricordo.

  • Un anno senza Matteo Fasolino
    Notizia

    Un anno senza Matteo Fasolino

    Santa Teresa di Gallura piangeva un anno fa l'improvvisa scomparsa di Matteo Fasolino. Matteo, appena vent'anni, era molto conosciuto e la sua morte ha destate grande cordoglio in tutto il paese. Matteo è scomparso a seguito di un tragico scherzo del destino, a seguito di una caduta fatale in piazza dopo una serata passata nei locali a divertirsi con gli amici. Il giovane amava il mare ed era molto conosciuto anche per il suo lavoro estivo come bagnino, in tanti gli volevano bene ed è ricordato come un ragazzo allegro e dal cuore d'oro. Una tragica fatalità l'ha portato via all'affetto della sua famiglia e degli amici più cari, lasciando un enorme vuoto dentro un paese intero un anno fa che si è raccolto a lutto attorno ai suoi genitori per celebrarne l'estremo saluto proprio davanti a quel mare che lui tanto amava. Ci stringiamo con affetto attorno al suo ricordo, ciao Matteo.

  • Un anno senza zio Antonio Isoni
    Notizia

    Un anno senza zio Antonio Isoni

    Un anno fa la comunità di Monti piangeva la scomparsa di zio Antonio Isoni. Zio Antonio Isoni era il nonnino della comunità montina e si spegneva serenamente un anno fa, all'età di 101 anni, circondato dall'amore della sua famiglia. L'anziano aveva compiuto gli anni soltanto 4 mesi prima ed era stato un grande traguardo per il paese, in quanto nessuno aveva mai superato la soglia del secolo di età. Zio Antonio aveva trascorso 95 anni nella sua casa in campagna, dedicando la sua vita alla famiglia al lavoro nei campi e all'allevamento di bestiame. Soltanto negli ultimi anni l'anziano si era ritirato in paese dove riceveva tante visite e si mostrava ancora attivo e lucido. La sua scomparsa ha lasciato sgomenti tutti i cittadini di Monti che avevano imparato a volergli bene.

  •  Un anno senza Maurizio Carta
    Notizia

    Un anno senza Maurizio Carta

    Lo scorso anno il mondo della televisione isolana era in lutto per l'improvvisa scomparsa di Maurizio Carta. Originario di Porto Torres e olbiese di adozione, Maurizio era stato per 30 anni direttore della tv Cinquestelle che all'epoca, nel 1986 quando fu assunto, si chiamava ancora Teleregione. Maurizio Carta si fece portavoce dell'informazione locale e ne divenne il protagonista assoluto, in un'epoca d'oro per le televisioni private che vedeva moltissima concorrenza di canali come Tele Olbia e Canale 35. Sotto la guida di Maurizio, Cinquestelle divenne negli anni una televisione all'avanguardia sia dal punto di vista tecnico che giornalistico e fu un enorme vivaio per giovani talenti che oggi sono il volto e la penna di molte testate giornalistiche regionali. Maurizio in quanto direttore era meno visibile dei suoi colleghi, ma il suo impegno in tutto ciò che concerneva la regia, i programmi, le dirette e l'assistenza tecnica fu essenziale per la crescita di tv Cinquestelle, canale che raccontò la crescita di Olbia e della Gallura in maniera impeccabile per tantissimi anni. Maurizio Carta si è spento un anno fa, a soli 53 anni, a seguito di una malattia contro la quale aveva lottato per un anno e mezzo, lasciando dietro di se un enorme vuoto nella comunità olbiese che perdeva un importante pezzo della sua storia.

  • Tre anni senza Paolo Palleddu Degortes
    Notizia

    Tre anni senza Paolo Palleddu Degortes

    Il 18 maggio di tre anni fa ci lasciava zio Paolo Palleddu Degortes. Olbiese doc, Degortes era un vero mito dell'Olbia calcio, squadra con la quale conquistò le promozioni storiche in D e in C. Zio Paolo era famoso in tutto l'ambiente calcistico sardo per essere stato un grande allenatore, guidò infatti la squadra dal 1963 al 1970 divenendone uno dei simboli indiscussi della sua storia. Fu un allenatore esigente ma stimatissimo dai suoi giocatori, con i quali conquistò le indimenticabili promozioni in Serie D e serie C. Una volta lasciata la panchina Olbiese Degortes allenò altre squadre dell'isola come Nuorese, Macomer, Alghero, Santa Teresa e altre ancora. Una carriera lunga e piena di soddisfazioni quella di zio Paolo, il quale ricevette anche i premio di “Seminatore d'Oro”, un riconoscimento dato all'epoca dalla Figc ai migliori tecnici del nostro calcio. Zio Paolo Palleddu Degortes si è spento tre anni fa all'età di 96, lasciando un vuoto incolmabile nel mondo sportivo isolano.

  • Un anno senza Luciano Ibatici
    Notizia

    Un anno senza Luciano Ibatici

    Un anno fa si spegneva a Roma lo storico comandante della compagnia aerea Alisarda, Luciano Ibatici. Luciano fu uno dei primi piloti della compagnia aerea isolana, e divenne in seguito e per tantissimi anni un punto di riferimento e grande istruttore per i tanti giovani colleghi sardi che si affacciavano al mestiere. Ibatici era molto conosciuto, soprattutto ad Olbia dove era considerato uno dei pionieri della sua professione. In tanti ne hanno pianto la sua scomparsa, avvenuta a soli 73 anni, in particolare i suoi ex colleghi di Meridiana che ne hanno onorato la sua memoria con tanti bellissimi messaggi sui social network e non. Ad un anno di distanza ci stringiamo affettuosamente attorno al suo ricordo, ciao Luciano.

  • Piero Giagnoni
    Notizia

    Piero Giagnoni

    Se n'è andato all'età di 74 anni Piero Giagnoni, dapprima giocatore e successivamente allenatore e dirigente dell'Olbia. Era un uomo gentile e disponibile, estremamente intelligente, in campo e fuori. In città tutti gli volevano bene, perchè Piero era il simbolo di una terra che non molla, un esempio da seguire per amici e tifosi. Lascia un grande ricordo nel cuore di chi gli ha voluto bene, ricordo che nessuno potrà mai cancellare.

Back to top