• Rino Di Donna
    Brindisi - 10/04/2017

    Rino Di Donna

    Si è spento, all’età di 93 anni, Rino Di Donna, storico portiere del calcio brindisino. Da tempo viveva in viale Porta Pia, al rione Santa Chiara.

    Brindisi così si stringe nel dolore per la dipartita di uno degli ultimi reduci dell’epopea della Brindisi Sport fra gli anni ’40 e gli anni 50’.Il leggendario portiere difese la rete biancazzurra nel periodo della seconda guerra mondiale.

    Nel secondo dopoguerra fu uno dei protagonisti di uno leggendario campionato di Serie C che si concluse con il ripescaggio del Brindisi in serie B. Ma l’anno successivo si spostò a San Pietro Vernotico che, all’epoca, giocava nella terza serie.

    Dopo aver militato per altre squadre, Di Donna negli anni ’50 fece ritorno al suo primo amore, il Brindisi. Fra i calciatori brindisini della sua generazione era uno dei pochi ancora in vita.

  • Renato Fadda - San Vito dei Normanni
    Brindisi - 31/03/2017

    Renato Fadda - San Vito dei Normanni

    San Vito dei Normanni si è riunita per dare l’ultimo saluto all’ammiraglio Renato Fadda, spentosi all’età di ben 94 anni.

    Fadda fu reduce della famosa corazzata Roma e, tra i vari incarichi ricoperti prima nella Regia Marina poi nella Marina Militare della Repubblica, fu comandante dal ‘72 al ‘73 del cacciatorpediniere lanciamissili Andrea Doria, all’epoca una delle unità italiane più moderne.

    In congedo, Fadda fu a lungo presidente della sezione di Brindisi della Lega Navale Italiana e dal 1964 sposò donna Dialta Dentice di Frasso che lo legò alle vicende di una delle più importanti stirpi nobiliari della provincia di Brindisi che vantava anche due senatori del Regno.

    Vedovo dal 2007, era diventato tutore di uno dei suoi nipoti, il conte Massimiliano. Figlio di un fratello della consorte di Fadda, Carlo, morto nel 1988.

    Renato Fadda, dopo la morte del conte Carlo, aveva partecipato più intensamente all’amministrazione dei beni della famiglia Dentice di Frasso e all’alienazione di una parte di essi, una volta estesi in un unico grande latifondo da Specchiolla sino a Restinco, passando per Serranova e Baccatani.

    Si dice che le stazioni della ferrovia costiera di Serranova e Restinco fossero state realizzate proprio per caricare le derrate agricole, l’olio e il vino prodotti in queste tenute. In gran parte, escluso il castello di famiglia a Serranova e terreni adiacenti (compresa parte dell’area costiera di Torre Guaceto) poi venduti alle sorelle Vallone di Lecce, i possedimenti furono espropriati con la riforma agraria.

    A Dialta Dentice di Frasso e al marito era rimasta infine la tenuta di Baccatani, dove Fadda e la moglie si erano concentrati e avevano aperto le porte ai visitatori, trasformandola progressivamente in un’azienda agrituristica. Porta ancora il nome dell’ammiraglio l’antico stabilimento vinicolo, acquisito dal Comune di San Vito dei Normanni e poi trasformato con i fondi regionali di “Bollenti Spiriti” nel più attivo centro culturale, artistico, musicale e ora anche di orientamento turistico della provincia di Brindisi, l’Ex Fadda.

    La Lega Navale Italiana oggi lo ricorda con compianto ed emozione sincera proprio per non essersi separato mai dal mare in maniera definitiva diventando animatore e presidente della sezione di Brindisi.

  • Un anno senza Alessandro Schettini - Ostuni
    Brindisi - 16/03/2017

    Un anno senza Alessandro Schettini - Ostuni

    La comunità di Ostuni si stringe nel ricordo del giovane Alessandro Schettini, 31enne venuto a mancare un anno fa in seguito ad un tragico incidente mentre era in servizio nei cieli di Manduria.

    Schettini, infatti, era sottocapo della Marina Militare e quel giorno era a bordo di un elicottero maledettamente precipitato durante un volo di esercitazione.

    Un operatore esperto che in oltre 10 anni di servizio aveva fronteggiato numerose emergenze, fra cui il naufragio della Norman Atlantic, traghetto che nel dicembre 2014 fu devastato da un incendio al largo delle coste albanesi. Il sindaco del paese, tutta la comunità e i suoi colleghi e superiori conservano il ricordo di Alessandro come quello di un ragazzo animato da forte spirito di servizio, molto preciso, entusiasta per il lavoro che faceva.

    Il senatore Pietro Iurlaro, insieme al gruppo in senato di Ala, inoltrarono al ministro della Difesa la richiesta di onorare Schettini con dei funerali di Stato, ricordando che lo stesso venne insignito della medaglia d’oro proprio per le operazioni di soccorso nei confronti dei passeggeri della Norman Atlantic.

    Il sottoufficiale ostunese ha lasciato così prematuramente il padre, due fratelli e una sorella, ma il suo valore resterà vivo nei loro cuori e di tutte le vite di cui ha contribuito al salvataggio.

  • Salvatore Lopalco - Francavilla Fontana
    Brindisi - 10/03/2017

    Salvatore Lopalco - Francavilla Fontana

    Tutta la comunità di Francavilla Fontana si stringe nel dolore per la perdita di Salvatore Lopalco, strappato alla vita a causa di un tragico incidente stradale.

    Salvatore aveva solo 37 anni ed era molto conosciuto in tutto il paese essendo il titolare di due attività commerciali molto note ai suoi concittadini. Tutti, infatti, lo ricordano come un ragazzo allegro, cordiale e affabile, sempre gentile e disponibile con i suoi clienti. Salvatore lascia così improvvisamente sua moglie e i suoi due figli, la sua famiglia che tanto amava così come amava la vita.

    Tutta la Città degli Imperiali esprime la sua vicinanza e il cordoglio per l’improvvisa dipartita di Salvatore.

  • Un anno senza Fahrudin Berishan - Mesagne
    Brindisi - 21/02/2017

    Un anno senza Fahrudin Berishan - Mesagne

    Mesagne ricorda oggi la scomparsa di Fahrudin Berishan, giovane che un anno fa perse la vita in seguito ad un tragico incidente.

    Fahrudin era di origine slava ma viveva a Mesagne ormai da molti anni. Lavorava come barista ed era studente della scuola alberghiera di Brindisi. I colleghi e i suoi compagni di scuola lo ricordano come un ragazzo solare e allegro che amava gli animali. Anche quel maledetto giorno, a bordo con lui in quell’auto c’era il suo cucciolo di pastore tedesco, da cui non si separava mai, miracolosamente rimasto illeso.

    Tutta la comunità ricorda oggi con dolore una vita spezzata troppo presto da una tragica fatalità, con la speranza che il suo dolce sorriso possa vivere in eterno nei cuori di chi gli ha voluto bene.

  • Un anno senza Lucio Leucci
    Brindisi - 07/02/2017

    Un anno senza Lucio Leucci

    Brindisi si stringe nel ricordo di Lucio Leucci, l'industriale metalmeccanico venuto a mancare un anno fa all’età di 83 anni.

    Lucio non solo era uno dei più noti imprenditori metalmeccanici brindisini, ma la comunità lo ricorda per la sua grande generosità e vitalità inesauribile. Lavoratore instancabile fino agli ultimi giorni della sua vita, considerava i suoi numerosi dipendenti come la sua famiglia allargata.

    Fondata nel 1961, l’azienda Leucci diede origine, dopo vari cambi di assetti societari, alle attuali Leucci Costruzioni e Leucci Group, due distinte imprese di punta nelle costruzioni e nelle manutenzioni meccaniche del patrimonio industriale brindisino. Il nome dell’imprenditore è legato anche al petrolchimico di Brindisi, alla costruzione di vari centrali Enel, da quella di Brindisi Nord a quella di Cerano, oltre a varie altre termoelettriche in diverse regioni.

    Ha segnato sin dagli anni '60 lo sviluppo industriale del capoluogo nel settore della metalmeccanica in cui ha assunto un ruolo di primo piano e con Lucio si spense un pezzo importante della storia della città.

  • Un anno senza Damiano Giudice
    Brindisi - 02/02/2017

    Un anno senza Damiano Giudice

    Brindisi ricorda oggi Damiano Giudice, noto a tutti i cittadini per la sua attività di salumiere nel centro storico della città.

    A portarlo via, all’età di 82 anni, fu un malore improvviso, tra il dolore della famiglia e di tutti i suoi cari. I più grandi lo ricordano quando da giovani i liceali si concedevano una mattinata al sole del Casale al posto di andare a scuola.
    Senza il panino da Damiano Giudice non era un “zumpo” come si deve. A tanti ragazzi degli anni a cavallo tra i Sessanta e i Settanta, ha permesso di affrontare, senza crampi allo stomaco per la fame, le ore che separavano dal ritorno a casa, soprattutto ai pendolari.

    La bottega in via Tarantini, sotto la Loggia Balsamo, ci riporta con la memoria a quel periodo, anni pieni di cambiamenti e di speranze. Damiano Giudice ormai da tempo si era però trasferito a pochi metri, dove ha lavorato fino alla fine. La sua ultima fatica che tutta Brindisi ricorderà con affetto.

  • Cosimo Durante
    Brindisi - 24/01/2017

    Cosimo Durante

    In questi giorni la comunità di Brindisi si è stretta nel lutto per la scomparsa di Cosimo Durante, spentosi a 94 anni.

    Cosimo era un eroe, un marinaio che ha prestato servizio in una unità della guardia costiera di stanza ad Argostoli ed è sopravvissuto all'eccidio di Cefalonia e ai lager nazisti. Era uno dei pochi superstiti dei tragici fatti avvenuti nelle Isole Ionie dopo l'8 settembre del 1943.

    In seguito alla disperata resistenza dei militari della Divisione Acqui alle truppe tedesche, fu aggregato alle batterie costiere che resistettero per qualche ora ai tentativi di sbarco dei reparti della Wermacht, poi ridotte al silenzio dagli Stukas.

    Durante sopravvisse ai bombardamenti e fu risparmiato dalle fucilazioni di massa e imbarcato su un mercantile diretto in Germania con altri prigionieri italiani. La nave finì su una mina ma il marinaio si salvò ancora una volta e fu recuperato da una motosilurante tedesca. Internato, poi, in Germania con altri militari italiani prigionieri, Cosimo rifiutò di passare tra le fila fasciste della repubblica di Salò, scegliendo il lager.

    Solo dopo la caduta della Germania, nel maggio del 1945, Durante fece ritorno a Brindisi. Insignito di varie onorificenze al merito della Repubblica Italiana, era socio onorario della sezione di Brindisi dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia che oggi si stringe nel suo ricordo, nel ricordo di un uomo che rappresenterà per tutti un esempio di forza e coraggio.

  • Francesco Leo - Francavilla Fontana
    Brindisi - 16/01/2017

    Francesco Leo - Francavilla Fontana

    Francavilla Fontana si stringe nel dolore per la perdita del giovanissimo Francesco Leo, strappato alla vita durante la mattinata mentre svolgeva le consuete mansioni di cui si occupava ogni giorno sul posto di lavoro.

    Francesco aveva da poco compiuto 24 anni ed era operaio nella stessa impresa in cui è dipendente suo padre. Non c’è stato nulla da fare per evitare che questo tragico incidente risparmiasse una vita ancora nel fior della gioventù, nonostante il tentativo disperato del papà.

    Non esistono parole per un dramma del genere. Il pensiero commosso di tutta la comunità va alla famiglia, con la certezza che il ricordo di Francesco vivrà in eterno nei cuori dei quanti lo hanno conosciuto.

  • Due anni senza Nicola Convertini - Ostuni
    Brindisi - 17/12/2016

    Due anni senza Nicola Convertini - Ostuni

    Ostuni si stringe nel ricordo di Nicola Convertini, 17enne di Casalini tragicamente scomparso due anni fa.

    Appassionato di musica, suonava il pianoforte e proprio in quei giorni si era proposto come organista per il concerto di Natale. Un figlio esemplare, un ragazzo pulito, uno studente modello. Questo era Nicola e così vogliamo ricordarlo.

    Oggi, a distanza di due anni, rivolgiamo il nostro pensiero sincero e commosso alla sua famiglia e ai suoi amici.

  • Francesco Bennardi - Fasano
    Brindisi - 16/12/2016

    Francesco Bennardi - Fasano

    Fasano si stringe oggi nel ricordo di Francesco Bennardi, scomparso un anno fa in seguito ad un tragico incidente stradale.

    Francesco aveva 64 anni ed era un noto imprenditore edile nato a Locorotondo ma residente a Fasano. Chi lavorava con lui, i suoi parenti e conoscenti lo ricordano come un instancabile lavoratore ed una brava persona.

    L’incrocio del teatro del tragico evento, purtroppo, non era nuovo a simili incidenti. Tutti i cittadini di Fasano che oggi ricordano Francesco auspicano che non accadano più simili incidenti.

  • Un anno senza Leonardo Orlandino - Fasano
    Brindisi - 15/12/2016

    Un anno senza Leonardo Orlandino - Fasano

    La comunità fasanese si stringe nel ricordo di Leonardo Orlandino, 21enne rimasto coinvolto un anno fa in un tragico incidente stradale mentre si recava a Brindisi per coltivare la sua più grande passione, il calcio.

    Leonardo infatti era portiere del Real Paradiso, squadra di calcio di Brindisi di Prima Categoria, e quel meledetto giorno era atteso dal resto della sua squadra per il consueto allenamento alla vigilia di una partita.

    Profondo cordoglio in tutta la città, soprattutto negli ambienti della società brindisina che fece richiesta di non disputare l'incontro in programma.

    Ancora oggi, i suoi compagni di squadra, tutta la società, i suoi amici e la sua famiglia lo ricordano con grande affetto. Ci stringiamo al loro cordoglio per la perdita di un ragazzo strappato alla vita precocemente e che ha lasciato un vuoto incolmabile con la sua dipartita.

Back to top